Fare il fotografo è dura. Cosa si nasconde dietro una bella foto.

Fare il fotografo è dura. Cosa nasconde una bella foto.

Fare il fotografo è dura. Cosa nasconde una bella foto. Prima di spiegare la mia esperienza guardatevi  la gallery. Poi se avrete voglia potete leggere cosa mi è successo. O meglio, cosa comporta fare delle foto. Nonostante l apparenza, dietro una foto c’è sempre del sudore. O per la maggior parte dei casi è così. Per chi guarda dallo schermo di un computer, lo screen del cellulare o direttamente la stampa è difficile capire cosa si nasconde dietro uno scatto. Lasciando a parte i selfie, i filtri o gli screenshot c’è ancora una gran fetta di fotografie che richiedono non solo passione, occhio e riflessi. Non sembra ma ogni foto… Read More

Continue Reading

Tenerife, una settimana da cartolina

Tenerife, una settimana da cartolina Girare per l isola, vagabondare un pò e prendersela con calma.   Tenerife un isola da cartolina. Alcuni numeri da ricordare: 1000000 o quasi gli abitanti dell isola 3718 sono i metri di altitudine del vulcano, il Teide. 1909 l anno della sua ultima eruzione ma attenzione che è ancora attivo!  Altri numeri non proprio interessanti ma utili li trovate qui.   Le vacanze Avere una settimana a disposizione a volte non basta per godersi un meritato relax, dopo mesi e mesi di duro lavoro. Spesso però è più che sufficiente se il luogo scelto è un isola di un arcipelago nel bel mezzo dell Oceano… Read More

Continue Reading

Alella, ma che ci faccio qui?

Alella, ma che ci faccio qui? Una giornata libera e senza rendermene conto mi ritrovo in Alella, ma che ci faccio qui? Alella, qualche numero da ricordare:  975 l’anno della prima documentazione del paese 30 i minuti circa di treno dalla stazione del Clot di Barcellona una piccola chiesa con più di 1000 anni e lo zampino di Gaudì   Una delle comodità di Barcellona è avere a disposizione diversi mezzi di trasporto pubblico. Con una giornata libera si possono visitare alcuni dei piccoli paesini sparsi intorno alla grande città. Per cui oggi si va ad Alella. Cosa c’è da vedere? e da fare? meglio godersi la sorpresa e fare… Read More

Continue Reading

Innsbruck, sette foto e non averci un idea

Innsbruck, sette foto e non averci un idea Ah Innsbruck, bella città. Passano gli anni e certi viaggi si dimenticano. Completamente cancellato dalla memoria  a breve termine. O magari tra un paio d’anni la mia senilità me lo farà ricordare. Se non fosse per sette foto.  La storia è la seguente Se lavori per un agenzia e fai l accompagnatore, hai modo di vedere molti posti. Solo se sei preparato però. Un bel giro in bus non te lo toglie nessun con tanto di fermate, richieste di altre fermate per via della pipì, le medicine, le gambe formicolanti o semplicemente la voglia di rompere le balle. Ok si arriva a… Read More

Continue Reading

Tossa de mar in due ore e mezza

Tossa de mar in due ore e mezza Avete visto tutte le opere di Gaudì, la Rambla, il mare e il quartiere gotico di Barcellona e molto altro ancora? Vi è rimasta energia, tempo e non sapete che farvene?   Tossa de mar in due ore e mezza vi piacerà. Leggete qua sotto, mettetevi comodi così un altra mezz’oretta la perderete. Sicuri? Ok, bene. Le due ore e mezza ovviamente non sono riferite al giro panoramico di questo bellissimo borgo medioevale. Ma il tempo che impiegherete per arrivarci utilizzando, treni, bus e altri bus. Poi vi rimarranno solo le gambe per girovagare come moribondi per il centro storico. Tossa de… Read More

Continue Reading
LA THAILANDIA, 20 GIORNI DA TURISTA

LA THAILANDIA, 20 GIORNI DA TURISTA

LA THAILANDIA, 20 GIORNI DA TURISTA La Thailandia, 20 giorni da turista. Eh si. Il titolo promette poco di buono. In questi ultimi anni pare che se non fai una vacanza immerso nella vera cultura o se non dormi ospitato dai “locals” non hai fatto un vero viaggio. Non sono d’accordo. Solo chi posta foto o realizza un diario di viaggio ricco di sudore, bambini vestiti male, attese per un bus sgangherato con lo zaino stracarico o ritratti della gente del posto con i costumi tradizionali, possono richiamare l’attenzione dei travellers. Non sono d’accordo. Questo è un viaggio, anzi no. Questa è stata una vacanza, punto. 20 giorni di relax,… Read More

Continue Reading
Facce di pietra e un Flat Iron Building al Born

Facce di pietra e un Flat Iron Building al Born

Facce di pietra e un Flat Iron Building al Born Se vi trovate a Barcellona fatevi pure un giro per il quartiere del Born. Dai si il Born, quel distretto dentro il centro storico famoso per la guerra di secessione. Non lo sapevate? Va bene non importa leggetevi qualcosa qui almeno vi togliete quelle facce stralunate quando camminerete per le vie del centro. Ad ogni modo a proposito di facce, se le vostre sono stralunate, qua ne trovate alcune davvero strane. Di pietra direi. Eh si proprio di pietra. Se arrivate di fronte la chiesa di Santa Maria del Mar sarà facile trovarne un paio. Non conoscete nemmeno questa chiesa.… Read More

Continue Reading
la floresta trekking

DA LA FLORESTA A VALLDOREIX, IL TREKKING

DA LA FLORESTA A VALLDOREIX, IL TREKKING   La Floresta Valldoreix trekking: alcuni numeri da ricordare 10 Km distanza percorsa 4h tempo 250 mt dislivello e ricordatevi di portare acqua, buone scarpe e una macchina fotografica    Questa è la mia storia:  E inizia così Capita spesso di stancarmi del traffico di questa città, del caos di Barcellona, una delle città più inquinate in Europa. Così ogni volta che ho voglia di immergermi in un ambiente tranquillo e rilassante ho una rapida soluzione, proprio dietro la città. La soluzione si chiama Collserola Park.  Oltre le piccole montagne che delimitano la città, il cemento si ferma per dare spazio al verde, ai… Read More

Continue Reading
marotrell devil's bridge

Il ponte del diavolo di Martorell

  Il ponte del diavolo di Martorell   Il ponte del diavolo di Martorell: alcuni numeri da ricordare: 30  sono i minuti di treno da Barcellona 21 metri la volta più alta del ponte 1143 la data della prima ricostruzione documentata 1939 l anno della sua demolizione durante la guerra civile. E questa è la mia storia: Girovagando per la rete sono incappato nella storia di un ponte fatto dal diavolo proprio a due passi dalla capitale della Catalogna.Perciò, dopo una breve ricerca sono salito sul treno (R4) per raggiungere la piccola città di Martorell e in soli 30 minuti era già sul posto ad investigare. Martorell è davvero una… Read More

Continue Reading
Torre Salvana

Torre Salvana Il castello dell inferno

Torre Salvana, il castello dell inferno Torre Salvana.  Un paio di numeri da ricordare: 1h Il tenpo impiegato per raggiungere la fortificazione dal centro di Barcellona (in treno) 1000 e forse più gli anni che ha questa struttura, datata 992 1988 l anno in cui venne catalogato come Edificio di Interesse Culturale. …diversi episodi definiscono questo castello posseduto. Dicerse persone ammettono di non volerci più mettere piede. Lo chiamano il Castello dell Inferno.   Questa è la mia storia: Dopo la solita ricerca sul web, sono salito sulla linea L1 del metro, la rossa. Treno S8 per raggiungere il luogo designato.  Per fortuna la Torre Salvana è a soli 5… Read More

Continue Reading
Cable Car

Funivia di Barcellona

FUNIVIA DI BARCELLONA Vorresti volare sopra l area portuale di Barcellona e raggiungere il Montjuic? . Se la tua risposta è si, allora la Funivia di Barcellona è ciò di cui hai bisogno. Dalla famosa spiaggia della barceloneta direttamente al promontorio più caratteristico della città, Il Montjuic. Puoi dare un occhiata ai biglietti e disponibilità qui. Qualche numero da ricordare: Un architetto, due date importanti e tre strazioni. Carles Buigas è stato l ideatore della struttura per l esibizione del 1929 ma solo nel 1931 fu inaugurato il progetto. Le tre stazioni: la torre di San Sebastien, San Jaume e la finale Miaramar. In soli dieci minuti raggiungerai il promontorio godendo… Read More

Continue Reading
Calatrava tower

La torre Bianca di Santiago Calatrava

La torre Bianca di Santiago Calatrava Questo è un vero e proprio simbolo dei gliochi olimpici a Barcellona nel 1992. Costruita dal famoso architetto omonimo, la torre bianca di Santiago Calatrava è una torre di telecomunicazioni. La sua strana e innovativa forma si erge per ben 136 metri d altezza. Interamente dipinta di bianco caratterizzata dalla sua innovativa forma. Sono stati necessari 3 anni per la sua costruzione forse vi ci vorrà di meno per capire cosa rappresenta. La forma evoca un atleta greco in ginocchio per ricevere una medaglia. La sua forma originale viene utilizzata per il trofeo al gran prix di Spagna. Oltretutto sembra possa essere utilizzata come… Read More

Continue Reading